lunedì 30 giugno 2014

Il Tram di Opicina ...La Motrice n° 1

La motrice tranviaria già contraddistinta con il N° 411 è il più vecchio tram marciante ancora esistente oggi in Europa.
Infatti, allorché il 9 settembre 1902 la SOCIETA’ ANONIMA delle PICCOLE FERROVIE attivò il servizio della linea in questione, questo veicolo venne contrassegnato con il N° 1 nell’ambito di un parco rotabile iniziale di 6 unità.
La parte meccanica venne costruita dalla GRAZEN UNION FABRIK, che realizzò anche le vetture tranviarie per la SOCIETA’ del TRAMWAY ELETTRICO COMUNALE di Trieste, mentre la parte elettrica venne allestita dalla OSTERREICHISCHE UNION ELEKTRICITATS GESELLSCHAFT.
L’aspetto esterno era diverso da quello attuale, poiché le due testate erano state allestite senza alcuna protezione per il manovratore che si trovava esposto a tutte le intemperie; a tale scopo, nelle giornate di cattivo tempo, il manovratore indossava una grande mantella impermeabile con la quale proteggeva se stesso ed i comandi.
Tuttavia, qualche anno dopo, verso il 1908, vennero allestite due vetrate di testa mentre in epoca successiva il telaio veniva leggermente allungato per aumentare l’originale capienza di 44 viaggiatori.
Intorno al 1937, con l’entrata in servizio delle prime nuove motrici a carrelli (in dotazione ancora oggi), venne tolta dal servizio e trasformata in carro soccorso, sia per interventi alle motrici guaste (traino) sia per lavorazioni alla linea di contatto (per cui si allestì sul tetto un’apposita piattaforma).
Nel 1992 è stata completamente restaurata dal personale della Trenovia ed ha effettuato la corsa rievocativa a novant’anni esatti dall’inaugurazione della linea nella sua livrea verde adottata a partire dagli anni ’20. Dotata di due motori, trasporta 28 passeggeri, tutti seduti. 


I recapiti a cui rivolgersi sono i seguenti:  tram.de.opcina@triestetrasporti.it

TRIESTE TRASPORTI S.p.A.
Via dei Lavoratori n° 2
34144 Trieste
Fax 040 7795 257


Il Percorso del Tram 

Il Tram oggi con vista sulla citta' 

Nessun commento:

Posta un commento