domenica 8 ottobre 2017

Dove guardare la Barcolana


Domani sarà possibile seguire la regata in diretta su Rai 3 dalle 9.30 alle 10.20, poi proseguirà in tandem con RaiSport.
La Barcolana sarà inoltre trasmessa in streaming sulla pagina Facebook dell’evento
(https://www.facebook.com/RegataBarcolana).

Chi si trova a Trieste, invece, può godersi lo spettacolo delle vele in Golfo dalle «Terrazze Barcolana»
Terrazza del Museo Revoltella, Bastione del Castello di San Giusto, terrazza dell’Ausonia e su prenotazione sulla terrazza del Salone degli Incanti oppure dal Belvedere Obelisco a Opicina (SC BRDINA SALUTA BARCOLANA 49), o ancora passeggiando nel Villaggio, allo Stand di Generali, dove verrà trasmessa la diretta sullo schermo che si trova all’interno.

Quest’anno poi apre le porte per la Barcolana anche il Museo della Pesca di Santa Croce ,dopo una visita guidata alla scoperta della storia del litorale triestino, ci si potrà godere la Barcolana dalla terrazza del Museo (Informazioni 335 285418 – proteco@spin.it).

dal Web

mercoledì 4 ottobre 2017

Oggi 4 Ottobre sarà il tricolore più grande del mondo !

             Sarà il tricolore più grande del mondo !

Sarà il tricolore più grande del mondo, lungo circa 5 km, il momento più suggestivo dell'esibizione della Pattuglia Acrobatica Nazionale delle Frecce Tricolori che si terrà oggi mercoledì 4 ottobre, a partire dalle ore 10.30, in piazza Unità d'Italia e segnerà il saluto ufficiale alla città e alla 49esima edizione della Barcolana.
   
Buon divertimento tutti con il naso in su ' oggi !!!
   Lorena @MaryPoppins'sHouse

sabato 30 settembre 2017

Percorso di regata 2017 , La Barcolana !

Un ritorno alla tradizione e  allo stesso tempo una epocale innovazione.

Cambia il percorso della Barcolana e, se nella prima parte torna su rotte già sperimentate in passato, nell'ultimo tratto diventa la principale novità di questa edizione.

○ Sotto la foto del percorso

● IL PERCORSO
Nelle ultime edizioni il percorso della Barcolana è stato avvicinato a terra ,accostata maggiormente la partenza alla riviera di Barcola, è stata avvicinata la prima boa (accorciando così la navigazione lungo il primo lato), riposizionato il disimpegno della Boa 2, accorciato e riorientato il terzo lato che conduceva nuovamente verso terra, posizionando la Boa 3 nei pressi del Castello di Miramare.
Il posizionamento della Boa 3 risulta strategico per aumentare la visibilità della regata , valorizziamo così la riviera di Barcola e l'altipiano come spalti di uno stadio naturale, facendo sì che la regata possa correre il più possibile parallela alla costa.

La regata non terminerà di fronte al terrapieno di Barcola , dove verrà posto un cancello che registrerà i passaggi , ma di fronte alla piazza dell'Unità d'Italia, al largo della diga del Porto Vecchio.
Il pubblico assiepato lungo le Rive per attendere il rientro delle imbarcazioni potrà così godersi l'arrivo in diretta, e a occhio nudo.

Il miglio e mezzo di navigazione da Barcola a Piazza Unità compensa la riduzione di percorso del primo e del terzo lato, dando alla regata una nuova veste in termini di spettacolarità, e possibilità di vivere l'evento anche stando a terra, da Miramare a piazza Unità, lungo la Napoleonica o la Strada del Friuli e da San Giusto.

Dal web
Per tutte le informazioni sulla Barcolana

Buon divertimento nella più grande regata di tutti i tempi  , 2000 barche !
                       Lorena @MaryPoppins'sHouse

sabato 29 luglio 2017

Io e Trieste ... un bellissimo film




Un film dove la città di Trieste viene vista attraverso gli occhi della mia memoria, un nuovo album di famiglia che tenta di aggiornare il vecchio album di mia nonna, che negli anni trenta dal profondo Friuli si era trasferita nel "nuovo mondo" di Trieste, forse in cerca dell'imprevedibile.
        Teresa Terranova 

venerdì 21 luglio 2017

Nicolò bravo !


 Un filmato che documenta tuffi acrobatici dalle imponenti coste di Premantura in Croazia, protagonisti due triestini, amici dell'autore:  Luca Benes, di 22 anni, e Cristiano Riccobon, di 17, che prossimamente parteciperanno ai mondiali di tuffo acrobatico in Germania.

 Nonostante la giovane età Nicolò 15 anni , si diletta nella produzione di video da diversi anni e ha in programma di specializzarsi ulteriormente per lavorare nel cinema 
   
              Bravi i nostri ragazzi ~♡


martedì 18 luglio 2017

Colazioni ~♡

                                                              Le nostri Colazioni Vegane e Gluten Free

                                                     Verdure , frutta e prodotti senza glutine  a richiesta

                                                                                             ♡ ~ ~♡




venerdì 14 luglio 2017

Sea watching , una bellissima iniziativa !

Tutte le uscite  prevedono la partenza in barca dal porto di Grignano
Il costo è di 25 euro a persona.
Chi volesse partecipare  deve dotarsi autonomamente di maschera, boccaglio e pinne mentre l'organizzazione può mettere a disposizione, su richiesta, la muta a mezze maniche e, per le uscite notturne, le torce subacquee.
Info e prenotazioni  allo 040 224146 - int.3 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13

infosub@riservamarinamiramare.it




venerdì 7 luglio 2017

Il dai dai , genuine food and atmoSphere

            Una nuova avventura e collaborazione  ~♡
Il " dai dai " è il locale storico a 300 m dal Mary Poppins's House
● Una cucina genuina di carne e di pesce
● I  panini gourmet con delle ricette particolari che ci fanno girare il mondo
● Un giardino segreto con un'atmosfera incredibile ...
● Musica dal vivo  ogni Venerdì e Sabato
● La cucina aperta fino alla mezzanotte
● La  possibilità di consegna a domicilio ed asporto
           Per informazioni e prenotazioni  0405700568
                             Strada di Guardiella n 10/D
  
                                   Link  alla pagina Facebook


S.Giovanni,  Trieste 1920 

 Il Menù  dai dai   Italiano 

Il Menù  dai dai   English 


  Menù dai dai  


domenica 18 giugno 2017

I Campionati Assoluti di Atletica 49 anni dopo a Trieste

Per Trieste sarà senz'altro un fine settimana da ricordare , tornerà ad ospitare la rassegna a ben 49 anni di distanza dall'ultima volta, dopo le edizioni del 1963 e del 1968.

Lo stadio, inaugurato nel 1932 e ora intitolato a Giuseppe Grezar, è stato recentemente ristrutturato con un manto ad otto corsie che ambisce a diventare un punto di riferimento non solo per il nord-est ma anche per Austria, Slovenia e Croazia.“

In palio ci saranno 40 titoli, 20 maschili e 20 femminili, oltre alla Coppa Italia per club.
Sono attesi i migliori rappresentanti di ciascuna specialità che si prepareranno per i Campionati Mondiali di Londra, in programma dal 4 al 13 agosto.

Un traguardo importantissimo per  una città dove la cultura dello sport è molto ben radicata e presente, come dimostrano i continui talenti che continua a produrre nel settore giovanile e che si affermano poi sia livello nazionale che locale
Dal 30 giugno 2017 al 2 luglio 2017 alla Stadio Grezar

Hai bisogno di dove dormire in questi giorni ? Chiamami o mandami una mail !
Sarò felice di ospitarVi, Lorena ~♡

mercoledì 26 aprile 2017

Trieste ... 11° posto tra le città da visitare in Italia


Trieste è tra  le città più belle d'Italia da visitare almeno una volta nella vita quando visitarle e perché!

● PERIODO IDEALE PER UNA VISITA  : Primavera e Autunno

Situata sul mare Adriatico e quasi interamente circondata dalla Slovenia, Trieste è una città che geograficamente e storicamente isolato dal resto della penisola italiana.

● MOTIVI PER VISITARLA:

⊙Il Cuore d'Europa
E' un luogo storico, importante porto commerciale che per secoli ha fatto da tramite fra il mediterraneo e il popolo slavo e germanico.

⊙Le Architetture
E' ricca di architetture religiose, civili e militari fantastiche, come il Castello di Miramare, il Faro della Vittoria o la Cattedrale di San Giusto.

⊙Atmosfera magica
E' una località molto affascinante, piena di caffè e con una splendida vista sul mare.

domenica 16 aprile 2017

Buona Pasqua !

Vi auguro di camminare su una strada chiamata vita, di inciampare in una pozza chiamata fortuna, di cadere in un abisso chiamato felicità e di raccogliere un fiore chiamato amore.

                            Buona Pasqua , Lorena @MaryPoppins'sHouse

domenica 9 aprile 2017

Buona domenica delle palme

Che il profumo della bella stagione porti a te e alla tua famiglia nuova linfa vitale e tanta serenità.
                                        
                                           Buona Domenica delle Palme , ❤
                                        
                                            Lorena  @MaryPoppins'sHouse

lunedì 27 febbraio 2017

11a edizione di Olio Capitale dal 4 al 7marzo 2017!

Dal 4 al 7 marzo 2017 si svolgerà a Trieste la 11a edizione di Olio Capitale, la più importante fiera specializzata interamente dedicata alle migliori produzioni di olio extravergine d'oliva.
L'olio in esclusiva
Vetrina di eccellenza a livello internazionale, Olio Capitale è l'unico evento a puntare esclusivamente sull'extravergine di qualità.
A Trieste
una città strategica per raggiungere nuovi mercati, da sempre crocevia di scambi.
Nell'edizione 2016
presenti al salone oltre 300 produttori di olio extra vergine d'oliva dall'intero territorio nazionale oltre che da Croazia e Grecia
Perchè visitare Olio Capitale
Per conoscere direttamente i produttori e comprare l'olio più giusto per te in una salone che presenta centinaia di produttori.
Per imparare dagli esperti come assaporare e scegliere un buon olio.
Seguire i mini corsi d'assaggio e partecipare alla giuria che premierà gli oli migliori. Iscrizioni alla reception della fiera.
Per imparare dai migliori chef il corretto abbinamento olio/pietanza con dimostrazioni e assaggi nella Scuola di Cucina di Olio Capitale
Per trovare nuovi fornitori e prodotti grazie al supporto della Segreteria Buyer.  

Dal sito per maggiori informazioni www.oliocapitale.it

Per informazioni: info@oliocapitale.it
Per saperne di più tra talk show e incontri sul tema dell'olio extra vergine d'oliva




domenica 26 febbraio 2017

La storia dell'inventore dei coriandoli nato nella nostra città , Trieste

In Piazza della Borsa,  è nato "l'inventore dei coriandoli".
Una storia curiosa conosciuta da pochissime persone...

Correva l'anno 1876, il carnevale impazzava per le vie cittadine e lungo il Corso si svolgeva la sfilata dei carri e delle maschere.
Dalle finestre delle case era consuetudine gettare sul corteo confetti e petali di rose.
Sul poggioletto centrale un ragazzetto di quattordici anni, privo di denaro e quindi nell'impossibilità di acquistare confetti o altro, e ebbe la bella idea di tagliuzzare belle carte colorate e di gettare i... "coriandoli" sulle teste delle mascherine sottostanti.
Fu una trovata travolgente imitata subito da tanti presenti.

"L'invenzione" passò velocissima a Vienna, poi a Venezia e da qui in tutto il mondo.
Alla loro prima apparizione i coriandoli fecero arrivare persino "l'attenta polizia austriaca".
Dopo i primi lanci il ragazzetto sentì suonare alla porta e si trovò davanti l'autorevole gendarme che chiedeva spiegazioni e chiarimenti.

Quel ragazzino si chiamava Ettore Fenderl e doveva diventare una celebrità nel campo della fisica nucleare.

Ettore Fenderl nacque a Trieste il 12 febbraio 1862 e fu uno scienziato di fama internazionale  .
Laureatosi ingegnere all’università di Vienna ed ingegnere civile al Politecnico di Milano .
Nel 1898 brevettò un tipo di centrale per la produzione dell’acetilene e nel 1906 progettò il palazzo della Ministero della Marina Austriaca.

Importanti furono i suoi interventi nella progettazione della metropolitana di Vienna, una delle prime al mondo.

Nel 1926 creò a Roma il primo laboratorio per le ricerche radioattive.
Nel 1936 si ritirò a vita privata e fondò la Fondazione Fenderl per fini benefici.
Morì a Vittorio Veneto il 23 novembre 1966 all’età di 104 anni praticamente dimenticato dal grande pubblico, e la sua "invenzione ", senza essere stata brevettata, fece il giro del mondo ed ancora oggi non può esistere festa o carnevale senza coriandoli.

             Buon Carnevale !
Lorena , @MaryPoppins'sHouse

domenica 5 febbraio 2017

" Storia di Marco , il pinguino rapito "

Sembra una fiaba la storia del pinguino Marco, forse il pinguino più famoso del mondo, per oltre trent'anni una delle attrazioni turistiche della città, presenza usuale sulle Rive, fra il molo Pescheria e la Stazione marittima, amico obbligato di tutti i triestini nati fra la metà degli anni Cinquanta e i primi anni Ottanta, simbolo di quell'affettuosità uomo-animale che è parte dell'anima di questa città.
Sembra una fiaba questa storia che è entrata nella storia di Trieste, e come tale la racconta, in tutta la sua verità, il giornalista Roberto Covazin un libro, illustrato con belle foto dell'epoca, dedicato ai bambini ma destinato a tutti:

                     «Storia di Marco, il pinguino rapito»
   pubblicato dalla Mgs Presse e lo si puo' trovare in libreria

Per chi , e sono tanti  , ha conosciuto il bizzoso pennuto, caratterialmente così vicino alla scontrosa grazia dei triestini, il racconto di Covaz contiene una rivelazione ...
Marco non fu salvato dalle fauci di un'orca, come vuole la vulgata, bensì venne rapito, vittima di un puerile gioco fra marinai.

La storia comincia nel 1953, quando la motonave «Europa», con il suo carico di emigranti triestini, arriva a Città del Capo. La nave, comandata da Arrigo Liberi, è al suo secondo viaggio in Sudafrica, dopo quello inaugurale da Genova dell'ottobre dell'anno prima.

Fra i più giovani componenti dell'equipaggio ci sono due ragazzi istriani, Ezio e Nini.
Hanno il compito di pulire le camere dei passeggeri, e come tutti i giovani si annoiano quando la nave è alla fonda.
Perciò organizzano il rapimento di un pinguino, uno dei tanti che bazzicano le scogliere di Città del Capo.

Ezio e Nini, scrive Covaz, «all'imbrunire della sera precedente la partenza dell'Europa si muniscono di una rete da pesca trovata sui pontili e, dopo alcuni tentativi andati a vuoto, riescono a catturare un pinguino».
È un esemplare molto piccolo, alto nemmeno mezzo metro, della specieSpheniscus demersus, che finisce «stremato e impaurito» chiuso in un sacco nella cambusa della nave.
È talmente malridotto che i due ragazzi, pentiti, pensano di riportarlo a terra, ma ormai è troppo tardi...
l'«Europa» salpa alla volta di Trieste con il suo piccolo clandestino a bordo.
Naturalmente il comandante Liberi non sa nulla, il nostromo Giovanni Barrera, un veterano della Marina militare, copre i due ragazzi e la loro bravata.
Ma presto la salute del pinguino diventa un problema , nella cambusa il caldo è insopportabile, l'animale non mangia nulla e deperisce a vista d'occhio.
Allora, con la complicità di altri marinai, il cucciolo viene trasferito nel gabinetto alla turca della cucina «dove di tanto in tanto si potrà rinfrescarlo con i getti d'acqua dello sciacquone».
Poi, a turno, i marinai si affacciano di nascosto dal portello basso della cambusa per pescare pesce fresco direttamente in mare.
Intanto il pinguino è stato battezzato Marco, appunto.

Le cure dei marinai gli fanno bene, Marco sta meglio e ne combina di tutti i colori.
Si sta sviluppando anche quel fenomeno noto agli etologi come «imprinting» , il pinguino crede che i marinai siano suoi simili, e prende e seguirli e a imitarli.

La nave prosegue la sua rotta, ma allo scalo di Brindisi il segreto non può più essere mantenuto, e Barrera rivela al capitano l'esistenza a bordo del clandestino piumato.
Marco arriva così a Trieste il 18 maggio del 1953 e, spacciato per orfano sottratto a morte sicura, viene affidato all'Aquario marino, allora diretto da Renato Mezzena (che nel libro di Covaz firma una prefazione, mentre altre note sono affidate all'attuale direttore del museo di Storia naturale, e dell'Acquario, Sergio Dolce, e dal conservatore zoologo Nicola Bressi).

Qui Marco, affidato alle cure del custode Pietro Contento, comincia la sua seconda vita.

Libero di girare per le Rive, diventerà presto un personaggio famoso, cercato dai turisti e coccolato dai bambini, viziato da pescatori e pescivendoli.
Morirà il 27 dicembre 1985, alla veneranda età di 32 anni, meritandosi una volta di più l'attenzione delle cronache, con la scoperta che in realtà era una femmina.

Con la sua ricostruzione del rapimento di Marco (basato in buona parte sulla testimonianza di uno dei marinai dell'Europa protagonisti della vicenda) Covaz racconta una moderna favola-verità che sembra uscita più dalla fantasia che dalla recente cronaca, mettendo il pinguino Marco nel novero di tutti quegli animali reali o di finzione, dal delfino Flipper all'orca Willy, che hanno segnato e segnano un'infanzia.

Dal Piccolo  , 2005
Marco il pinguino, rapito dai marinai
di Pietro Spirito

Il pinguino Marco