lunedì 24 giugno 2013

Castello di Miramare , Viale Miramare


                                                             Il Castello di Miramare

Si trova sulla punta del promontorio di Grignano, la sua posizione a picco sul mare offre la possibilità di godere di uno splendido panorama sul Golfo di Trieste.
Il Castello è circondato da un bellissimo parco con pregiate specie botaniche dove è possibile concedersi un po' di relax.
 Dimora nobiliare voluta dall'arciduca Ferdinando Massimiliano d'Asburgo, offre al suo interno sontuosi arredi originali.
 Dalle "bianche torri" di carducciana memoria, più che un castello in senso stretto è un esempio di residenza principesca del XIX secolo, frutto di quello stile eclettico che tanta parte ebbe nella storia dell'architettura di quel periodo.
 Costruito tra il 1856 e il 1860 per volere dell'arciduca Massimiliano d'Austria, poi imperatore del Messico, il complesso si presenta fortemente influenzato dal gusto romantico, come costruzione rivisitata di una rocca medievale.
 L'arciduca seguì personalmente sia la progettazione della dimora che l'allestimento del vasto parco (oltre 22 ettari), un giardino all'inglese e all'italiana, ricco di piante rare, sculture e laghetti, che scende con ampi gradoni verso il mare.
 Il castello è formato da oltre 20 stanze: di particolare pregio sono le "Sale di Massimiliano", fra le quali la camera da letto, arredata come una cabina di nave, e la "Sala del trono".
Dal 1955 il castello è diventato museo statale. Attività: Gli spendidi interni del castello sono visitabili, così come l'ampio giardino.
 Il museo è dotato di book-shop e nel giardino si trova un bar in cui ristorarsi.
 La curiosità: Secondo la leggenda esiste una maledizione legata al castello di Miramare, per la quale chiunque vi pernotti è destinato a morire prematuramente in terra straniera.
 Info e visite: Parco e Museo storico del Castello di Miramare Viale Miramare 34014 Grignano (TS) Tel.: +39 040 224143 info@castello-miramare.it www.castello-miramare.it

Nessun commento:

Posta un commento